open source patrimonio dell’umanità

open source patrimonio dell’umanità

Il software open source è patrimonio intangibile dell’umanità

Nei giorni scorsi, a Parigi,
alla presenza del Presidente della Repubblica Francese François Hollande, UNESCO ha firmato un accordo con INRIA legato al progetto Software Heritage,
che ha l’obiettivo di conservare il codice sorgente del software open source, e per questo motivo viene riconosciuto come patrimonio intangibile dell’umanità.

wordpress consulenza informatica

wordpress consulenza informatica

Software Heritage è nato su iniziativa di Roberto Di Cosmo e Stefano Zacchiroli,
e contiene già tutto il codice sorgente dei principali progetti di software libero, che rimarranno a disposizione di tutti coloro che ne faranno richiesta –
sviluppatori, e anche aziende e singoli utenti – per l’eternità.

Questo significa che UNESCO ha riconosciuto il valore del software open source,
che deve essere protetto e conservato in quanto strumento di conoscenza.
Valori, questi, che differenziano il software open source dal software proprietario.

Infatti, il primo nasce dalla condivisione della conoscenza degli sviluppatori, e da una gestione trasparente del codice sorgente, che
– in quanto condiviso – offre la possibilità di sviluppare altro software, dando origine a una spirale virtuosa senza soluzione di continuità.
Il contrario del software proprietario, che basa il proprio valore sull’offuscamento del codice sorgente.

Un riconoscimento che arriva nel momento in cui il software open source viene riconosciuto per il proprio valore anche da aziende
– come Microsoft – che erano arrivate a definirlo come un cancro,
e che oggi sponsorizzano Software Heritage proprio perché riconoscono l’enorme portata culturale del progetto.

Info sull'autore

giotechsrl administrator

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: