Archivio degli autori giotechsrl

aggiornamento bios senza batteria

il vostro portatile non riesce piu’ a ricaricare la batteria ? strano mavero , non sarete in grado di aggiornare il bios del vostro portatile.

se avete scaricato l’eseguibile per l’aggiornamento , aziche’ installarlo con il solito doppio click , aprite il prompt dei comandi (cmd) meglio se da amministratore del computer.

Ora trovate il percorso esatto del file eseguibile ed aggiungete uno spazio e la dicitura /forceit . In questo modo potremmo ovviare al fastidioso avviso bloccante della batteria che deve essere carica almeno al 10 %

questo vale per tutti i computer portatili.

Arriva la moneta di Facebook: si chiamerà Libra

Facebook è pronta a lanciare la sua valuta digitale entro la fine del prossimo anno. Con quali vantaggi e rischi per gli oltre 2 miliardi di utenti dei social di Zuck?

Possiamo pensare che facebook , messanger e whatzapp siano ormai un tuttuno. Con 2 miliardi di utenti qualche cosa in piu si puo’ fare. pensate che facebook a livello mondiale e’ utilizzato in qualche modo da 1 persona su 4.

La popolazione della terra sembra in constante crescita, pensate che dal 1960 si e’ passati da 3 mld a quasi 8 mld oggi . Una crescita incredibile che per i social diventa una soluzione ai problemi. Piu’ aumenta la popolazione terrestre, piu’ si e’ connessi e piu’ gli utenti aumentano.

Il gruppo di facebook a questo punto conia anche una moneta virtuale che iniziera’ a far tremare gli istituti bancari . Pensate a tutte le transazioni che potranno essere pagate da questa moneta … anche marketplace di facebook potra’ snellire gli affari e le aziende potranno vendere i loro servizi ricevendo direttamente denaro.

Una commissione di 1 centesimo per ogni utente dei social che effettua una sola transazione varra’ 20.000.000 di dollari.

Caspita … Con un simile bacino di utenti vorrei farla anche io una moneta. pensate a paypal o a i bitcoin . nessuno ha un pubblico cosi’ vasto.

Troveremo sicuramente il modo per gestire questa nuova criptovaluta sperando che poi nessuno trovi il sistema per svuotarci con un semplice click il wallet.

Comunque sia aspettiamo la fine del 2020 per avere una svolta chiave nel mondo digitale che finalmente ci proiettera’ in un futuro dove i soldi si potranno scambiare solo collegati ad un computer o ad un telefono e non piu’ in uno sportello bancario .

Un altro aspetto da considerare sara’ la moneta unica globale che non ci fara’ fare piu’ cambi e avere problemi di oscillazione . Immagino che sara’ anche quotata ma potrebbe anche vivere di vita propria dopo qualche anno di acquisti assorbendo le altre valute e rimanendo una delle poche in cercolazione.

Tremate gente , tremate .

Spiacenti, al momento non possiamo configurare la seguente lingua: Italiano

facebook ci dice Spiacenti, al momento non possiamo configurare la seguente lingua: Italiano.

Purtroppo e’ un errore di facebook che non puo’ essere corretto. Sembra che su molti dispositivi di origine cinese si presenti piu’ spesso il problema mentre su altri no.

Al momento l’unica cosa certa e’ che bisogna aspettare e vedere anziche’ cerca serch e cosi via. Chiaramente i post rimarranno tutti nella lingua in cui sono stati scritti.

a presto

Errore 1603. Aggiornamento Java non completato.

quando capitano questi errori , di solito sul vostro computer sono installate varie versioni di Java, seguendo questa semplice guida e i relativi link al sito di oracle, probabilmente potrete risolvere tutti gli errori che si sono presentati nella prima fase di installazione.

Riavviate il sistema prima dell’installazione
  1. Quando viene visualizzato l’errore 1603, riavviare il sistema.
  2. Scaricate e installate il package dell’Installer non in linea.
  3. Selezionate Salva nella finestra di dialogo di download quando vi viene richiesto e salvate il package di download in un percorso comodo, ad esempio sul desktop.
  4. Fate doppio clic sul file di installazione scaricato per iniziare il processo di installazione.
Disinstallate le versioni Java prima dell’installazione
  1. Se le istruzioni sopra riportate non risolvono il problema, si consiglia di disinstallare tutte le versioni Java esistenti dal sistema.
  2. Riavviate il sistema dopo aver disinstallato tutte le versioni Java, prima di provare l’installazione.

regole antispam alice in uscita

E’ possibile inviare email sia tramite programmi di posta, come ad es. MS Outlook, che tramite webmail da https://mail.tim.it .

Se riscontri problemi nell’invio di mail utilizzando un programma di posta, controlla la corretta configurazione del tuo client ed i relativi parametri di configurazione per gli account alice.it o tim.it.

Importante – Novità nell’utilizzo della mail da client di Posta
Per tutelare i propri clienti dal fenomeno dello spam e dall’inserimento in black list dei server TIM, con conseguente mancata ricezione dei messaggi da parte di alcuni Provider Mail, dai server SMTP di TIM non è più possibile inviare email con mittente diverso dai domini di posta alice.it, aliceposta.it, tim.it, tin.it (anche tramite la porta standard 25 senza autenticazione).

Pertanto per consentire un utilizzo ottimale della posta elettronica, per i messaggi che si vuole comunque far partire con mittente non appartenente ai domini TIM (ad es. libero.it, virgilio.it, gmail.com, hotmail.it…) è necessario utilizzare il Server SMTP dello specifico Provider di Mail.


Se dopo queste verifiche hai ancora problemi ed in particolare, provando ad inviare mail dalla webmail, visualizzi l’errore ” Le seguenti caselle di posta elettronica non sono disponibili o è impossibile trovarle :xxxxxxx@xxxx.xxx “, è necessario effettuare la procedura riportata di seguito rispettando l’ordine indicato:

1) Inserisci il cellulare di recupero password al posto della domanda e risposta 
2) Effettua il reset e/o cambio password con una più sicura (composta da lettere, numeri e caratteri speciali) 
3) Controlla, nelle impostazioni della webmail, che nel campo mittente non siano presenti indirizzi mail strani o non impostati/conosciuti (è corretto che il campo sia vuoto o che sia presente la propria mail).

Entro le 24 ore dall’esecuzione di questa semplice procedura, il problema di invio mail a destinatari esterni al dominio di posta dovrebbe essere risolto.

Se, in generale, riesci ad inviare email ma ricevi messaggi di mancato recapito per alcuni destinatari, è possibile che l’indirizzo del destinatario sia stato inserito in una black list.

Mancata ricezione di un messaggio (Black List)

Una Black list è un elenco di indirizzi IP che sono stati identificati come fonte di spam. I criteri con cui vengono compilate le liste seguono determinate caratteristiche:

  • liste di server messi a disposizione degli spammer
  • liste di open relay
  • liste di abuse server a causa di errata configurazione o bug di sistema
  • liste di classi IP dinamiche, discriminando le classi di IP assegnate ai clienti per le connessioni dial-up da quelle assegnate a server di servizio.

Come funziona una black list

I server di posta verificano se l´indirizzo IP di provenienza della mail è presente in almeno una delle seguenti black list:
http://www.spamhaus.org 
http://ipremoval.sms.symantec.com 
http://cbl.abuseat.org 
http://psbl.surriel.com 
In caso di esito positivo il messaggio viene rifiutato.

Come verificare l´iscrizione di un IP ad una black list

E´ sufficiente collegarsi al sito dell´ente che gestisce la lista ed effettuare una ricerca nel loro archivio.

Come richiedere la rimozione da una black list

Non sempre è possibile richiedere la rimozione del proprio IP da una black list, in quanto molte di queste agiscono in modo del tutto autonomo. Nella maggior parte dei casi è sufficiente aspettare 48 ore per uscire automaticamente dalla lista. Se ciò non avviene, ci si può rivolgere al proprio fornitore di servizi Internet, che valuterà se ci sono le condizioni per inoltrare la richiesta di sblocco direttamente al gestore della lista.

A volte può capitare che i clienti del Provider Alfa si trovino nell’impossibilità di ricevere posta da altri Provider (BetaGamma,…).

Questo può dipendere dal fatto che l’amministratore di rete del Provider Alfa abbia deciso di adottare una determinata “Lista di Blocco” per filtrare il traffico verso i propri server.

Ogni amministratore di rete sceglie in modo discrezionale ed autonomo le soluzioni più adatte per limitare, verso i propri Clienti, la ricezione di posta ritenuta indesiderata (c.d. “spam”).

Se ad esempio un cliente riceve messaggi di mancato delivery (mancata consegna) verso il destinatario mariorossi@alfa.com, come quello riportato di seguito a titolo esemplificativo:

***********************************************************************
Error transferring to smtp.alfa.com; 
SMTP Protocol Returned a Permanent Error 554 Service unavailable;
Client host [127.0.0.1] blocked using rbl-plus.mail-abuse.org 
For more information see
http://www.mail-abuse.com/cgi-bin/lookup?ip_address=127.0.0.1
************************************************************************

è possibile che l’indirizzo email sia stato inserito in Black List
E’ quindi, importante contattare il settore competente del dominio di destinazione (nell’esempio sopra riportato alfa.com) per segnalare il problema inoltrando il messaggio di errore all’indirizzo postmaster@alfa.com.

Cartella esecuzione automatica in windows 10

Dove si trova la cartella esecuzione automatia in windows 10 ?

Spesso e’ utile e si guadagna molto tempo all’apertura del sistema operativo far eseguire automaticamente alcuni programmi tipo il browser preferito, il client di posta elettronica e qualche programma utilizzato di frequente.

la cartella esecuzione automatica si trova in questo percorso:

C:\utenti\Nome Utente\AppData\Roaming\Microsoft\Windows\Menu Start\Programmi\Esecuzione automatica

1. ricorda solo che nome utente sta al nome dell’utenza che usi per entrare nel sistema operativo.

labtech franchising
labtech franchising

2. che la cartella AppData è una cartella nascosta, quindi, dovrai andare su visualizza in alto sulla scheda visualizza e fleggare mostra file nascosti e di sistema, immediatamente vedrai la cartella e potrai scorrere l’albero fino ad esecuzione automatica.

3. trascina i collegamenti ai programmi che vuoi far partire insieme al sistema operativo.

Se poi vuoi migliorare ancora le cose , imposta nel tuo browser preferito all’apertura, nella sezione delle impostazioni , le pagine che abitualmente apri.

In questo modo quando partira’ il tuo sistema operativo , ti troverai gia’ con tutto aperto senza dover andare a cercare le varie applicazioni o i vari siti che abitualmente usi.

Spero di essere stato utile ma se vuoi avere un consulente informatico che ti aiuta in queste impostazioni , non esitare a contattarci. Il costo di una nostra tele assistenza diventa un investimento per risparmiare tantissomo tempo che vale molto .

ARUBA KEY – Errore PKCS11 (0x00000005)

Un argomento molto comune oggi e’ l’installazione di lettori smartcard per accedere a portali di camera di commercio , giustizia e amministrazioni pubbliche non che’ alle strutture sanitarie.

Spesso non basta comprare il lettore smartcard ma bisogna installare software e certificati.

uno degli errori piu’ comune e’ pcks11 . Descrizione dell’errore: L’errore generalmente indica che la Smart Card potrebbe non essere letta correttamente dal lettore o che possa esserci un problema di compatibilità tra carta e lettore stesso.

Se il problema persiste verificare se su “Pannello di Controllo“, da programmi installati nel computer è presente o meno l’applicativo “AK Switcher Service” oppure “Add-on per la Firma Digitale con Adobe Acrobat” e in caso siano presenti, disinstallarli quindi collegare nuovamente Aruba Key a una presa USB.

A seguito dell’aggiornamento dei certificati della Aruba key (bianca e rossa) tramite la procedura indicata da infocamere si può riscontrare l’errore PKCS#11 (0x0000005) che impedisce l’utilizzo della chiavetta. Per risolvere questo errore procedere come descritto di seguito

Aprire il percorso della chiavetta e lanciare “autorun.exe”

In automatico si presenta la maschera con gli aggiornamenti consigliati. Cliccare su “Yes” in modo da eseguire l’upgrade per la compatibilità con cifratura RSA 2048 bit.

A questo punto l’aggiornamento se è andato a buon fine permettera’ di firmare digitalmente i vostri documenti oppure utilizzare la chiave per accedere ai portali a cui e’ abilitata.

Con altri tipi di smart card , scaricare dal questo link il bit4id per aggiornare i driver della vostra smart card

Troverete la soluzione ideale per le vostre esigenze.

Se proprio non riuscite a risolvere l’errore potete contattarci per una consulenza acquistando i nostri pacchetti di assistenza anche in remoto a questo link

assistenza computer
assistenza computer

Password email violate o rubate

Password email. Volete tenere sotto controllo la vostra mail dal punto di vista della sicurezza ? Questi due link vi possono aiutare.

Il primo serve per controllare le la vostra mail e’ stata in qualche modo violata nell’ultimo periodo.

Il secondo per controllare se la vostra password e’ stata in qualche modo trovata ed archiviata nell’elenco delle possibili password da provare per accedere alle email.

https://haveibeenpwned.com/

https://haveibeenpwned.com/Passwords

Questi due link sono molto utili per rendersi conto se e’ il caso o meno di cambiare la password della vostra mail.

Nel caso vi consiglio di cambiarla immediatamente. Per crittografare la vostra password vi consigliamo un trucco abbastanza interessante.

La crittografia e’ fondamentale. Scrivete il vostro nome e cognome, dite un numero a caso tra 0 e 9 e sostituite tutte le vocali con il numero scelto.

Ad esempio giorgioandreani diventa g11rg111ndr11n1 . La prossima volta che dovete cambiare la password mettete il numero sucessivo. Se siete a 9 ripartite da 0. Bastera’ avere un postit con il numero che state utilizzando per non dimenticarla.

Per trovare una password del genere ci vuole molto tempo e non faremo fatica a ricordarcela. Se la dovete cambiare ogni sei mesi , per almeno 5 anni siete a posto non utilizzando mai la stessa password.

Leggete anche questo articolo

Rimuovere Proxy Impostazioni 127.0.0.1

Rimuovere proxy:

Si, hai appena scoperto che hai un cavallo di Troia installato sul computer che crea un server proxy per 127.0.0.1:8800 o 127.0.0.1:8000 e tutte le volte che fai partire il tuo pc non riesci a navigare in internet perche’ le impostazioni del server proxy cambiano da sole.

bene, ora impareremo a rimuovere il proxy.

Basta cercare la chiave di registro HKEY_CURRENT_USER \ Software \ Microsoft \ Windows \ version \ internet setting

A questo punto troverete le chiavi di registro di Windows ProxyEnable e ProxyServer.

Nella prima mettere 0 se c’è 1, altrimenti lasciate invariato.

Nella seconda cancellate tutto se c’e’ qualche cosa.

Fate girare l’antivirus per capire se trova qualche cosa.

Potete leggere anche questo articolo molto interessante

velocizzare cpu android

Mettete il turbo al vostro smartphone e velocizzare cpu android ? Sembra di essere tornati ai tempi dei vecchi computer IBM dove c’era il tasto Turbo.

Vediamo se con questa guida ti posso aiutare a far diventare il tuo cellulare molto piu’ veloce del solito e a velocizzare la cpu.

Due app interessanti sono
No-frills CPU
Trickster MOD
che vi permetteranno di modificare la frequenza del vostro processore senza troppe complicazioni.

Nel caso in cui il vostro telefono consuma parecchia batteria anche se non lo state utilizzando molto, vi consiglio di abbassare la frequenza della CPU con una di queste due app.

Chiaramente non permettono di andare oltre i limiti di velocita’ imposti dalla casa produttrice del telefono.

Il vostro telefono potrebbe risultare molto piu veloce se innanzi tutto disabilitate le notifiche delle varie app che avete installato.

Tanti clienti vengono in negozio da noi e hanno il cellulare pieno zeppo di notifiche di facebook con tutte le notizie che arrivano dagli amci.

Rallentano di certo il vostro telefono e fanno consumare un sacco di batteria. Lasciate solo quelle strettamente necessarie.

Un altro sistema per velocizzare il telefono e’ quello di eliminare le app inutili che occupano solo spazio.

Leggete anche questo articolo per migliorare ulteriormente le prestazioni del vostro smartphone.

Spero di esservi stato di aiuto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: