Anonymous e sito dell’INPS

Anonymous e sito dell’INPS

inps tecnici al lavoro

INPS hackerato, parla Anonymous: non centriamo nulla, il malfunzionamento è vostro

Il gruppo di Hacker dichiara

“Caro Inps, vorremmo prenderci il merito di aver buttato giù il vostro sito web, ma la verità è che siete talmente incapaci che avete fatto tutto da soli, togliendoci il divertimento”.

l’inps dichiarra:

“Abbiamo ricevuto nei giorni scorsi e anche stamattina violenti attacchi hacker”,  “abbiamo dovuto sospendere temporaneamente il sito dell’istituto” aggiungendo che “nei giorni scorsi abbiamo informato le autorità di sicurezza nazionale, polizia e ministri vigilanti”

In mezzo pero’ ci siamo noi!

Penso a chi e’ a casa e vorrebbe avere questi 600,00 Euro per stare un attimo più sereno. Che ci siano attacchi hacker, complotti, pesci di aprile e via dicendo non penso che gli interessi molto. Si comunica che forse non ci sono soldi per tutti e vengono pagati solo quelli che fanno la domanda per primi, poi no per tutti, poi il primo di aprile ma non si sa nulla, poi non si sa quando vengono pagati e mille altre comunicazioni. Se si diceva che dal 1 al 15 di aprile si raccolgono le domande magari nessuno aveva problemi. Che Anonymous arriva a fare una dichiarazione del genere …

Anche io mi sono collegato al sito verso le 10 del mattino e mi sono trovato davanti questa schermata , chiaramente ho cancellato i dati per rispetto di queste persone ma …

io mi chiamo Giorgio

e poi dopo qualche minuto

mi chiamo sempre giorgio

Questo senza dover fare nessun login quindo mi viene da pensare che siamo in questa situazione :

tecnici al lavoro

e molto meno in questa :

gruppo di haker

Facciamo un esempio pratico:

Viene comunicato che si chiude tutti in lombardia , tutti a prendere il treno anche se non ci sono posti , qualcuno rimane fuori .

Si dice che e’ scoppiato un incendio dove lavorate, si forma calca alla porta.

Viene detto che su un sito regalano 300 euro ai primi 10 che si iscrivono il giorno x dalla mezzanotte … nessuno a bisogno di manometterlo, si manomette da solo con tutte le persone che continuano a cliccarci sopra.

Mi chiedo un altra cosa, ma l’istituto di previdenza non ha gia’ i dati di tutti ? se non si pagano i contributi gli autonomi arrivano a raffica le richieste di pagamento senza problemi di sorta. Vi posso garantire che sono oltremodo efficienti. Non potevano accreditare comunque questi soldi semplicemente richiedendo l’iban con tutta la calma del mondo avendo gia’ tutti gli altri dati del contribuente ?

Speriamo che l’ufficio del garante della privacy ci metta mano su questa vicenda.

di seguito qualche link per approfondire il discorso per chi e’ interessato.

https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2020/04/02/news/sito_dell_inps_in_tilt_per_gli_esperti_informatici_l_istituto_non_ha_scusanti-252951922/

https://www.iltempo.it/politica/2020/04/03/news/insp-nessun-attacco-hacker-soldi-finiti-sito-crash-339mila-domande-fondi-decreto-cira-italia-pasquale-tridico-1308041/

https://www.corriere.it/economia/lavoro/20_aprile_01/di-michele-inpscorriere-web-sezioni-6e2c80ea-7449-11ea-b181-d5820c4838fa.shtml

https://www.ilsole24ore.com/art/partite-iva-commercianti-stagionali-agricoli-ecco-come-fare-domanda-il-bonus-600-euro-attese-5-milioni-richieste-AD4AO9G

e molti altri potete trovarli voi

Ognuno fara’ le proprie considerazioni.

Leggete anche questo simpatico articolo sempre sull’argomento.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: